Poesia transnazionale

Nulla sanno gli economisti e gli scienziati

Nulla sanno gli economisti o gli scienziati
rispetto a quel che sanno i gatti
che frequentano la mia casa,

a quel che ascolta la pianta che tace
o ai pensieri che raccolse il cappello
abbandonato ora nella sala d’attesa

di una stazione o le città
che non dormono quasi mai
nella loro immobilità, non sognano forse

che la natura le venga a trovare
con la semenza delle campagne lontane:
il miracolo del girasole che sboccia

ai margini della strada la strada
che desidera d’essere, di nuovo calpestata
che su di lei germoglino incontri…

allora venga il fenicio con la stella polare
l’algebra dai deserti, la cabala degli esuli
e vengano con la cultura orale i popoli

animisti, ché la natura sola ha un’anima
grande e armoniosa
e non l’uomo con le sue apocalissi…

quel che serve è l’antico coraggio
del pellegrino, l’olfatto del cane
e la pazienza di questo cammino…

 

poesia tratta da Corrispondenze ai margini dell’occidente

L'autore

Avatar

Stefano Sanchini

Stefano Sanchini è stato redattore della rivista di poesia e realtà “La Gru”, sue poesie sono apparse in diverse antologie e riviste, ha pubblicato: Interrail (Fara, 2007), Via del Carnocchio (Thauma, 2010), Corrispondenze ai margini dell’Occidente (Effigie, 2011), La casa del filo di paglia (Sigismundus 2013) e Il Villaggio(Sigismundus 2016).

Lascia un commento