Comitato Editoriale

 

Pap Khouma – Raffaele Taddeo –  Barbara Pumhösel – Candelaria Romero – Andrea  Sirotti –Gabriella Ghermandi – Mihai  Mircea Butcovan – Adrian  Bravi – Mia  Lecomte – Kossi Komla-Ebri– Sante Matteo – Walter Zidaric – Simona Wright – Ugo Fracassa – Erminia Dell’Oro – Christiana de Caldas Brito

nata a Zagabria, Croazia, allora Yugoslavia, vive a Trieste dal 1979.

Sociologa, saggista, mediatrice culturale. Già docente di Letteratura serba e croata moderna e contemporanea alla Facoltà di Lettere e filosofia dell’Università di Trieste, attualmente docente al Corso “Donne, Politica e Istituzioni” della stessa Università.
Coautrice del libro Conflittualità balcanica integrazione europea (Editre Edizioni, Trieste, 1993), curatrice del libro L’Altra Serbia, gli intellettuali e la guerra (Selene Edizioni, Milano 1996). Assieme a Maria Bacchi, curatrice del libro Le guerre cominciano a primavera – soggetti e identità nel conflitto jugoslavo, Rubbettino, Soveria Mannelli, 2003. Curatrice del libro Percorsi interculturali. Esperienze di mediazione culturale a Trieste, Interethnos, Trieste, 2006; Curatrice (con Silvia Caporale Bizzini) del libro Teaching Subjectivity. Travelling Selves for Feminist Pedagogy, book series by ATHENA, Centre for Gender Studies, Stockholm University, 2009; la versione ampliata dello stesso libro esce in lingua italiana con il titolo “Soggetti itineranti. Donne alla ricerca di sé” nel 2013 da Albo Versorio, Milano.
Collabora a molte riviste nazionali e internazionali sui temi dell’interculturalità, questioni balcaniche e l’integrazione europea.

Ha promosso la raccolta dei testi di autori ‘migranti’ a Trieste diventata collana editoriale del CACIT – Coordinamento delle Associazioni e delle Comunità degli Immigrati della provincia di Trieste. Alcuni titoli  delle antologie: “Sguardi e parole migranti” (ed. 2005); “Sapori incontri fragranze” (ed. 2006), “Migrazioni e paesaggi urbani” (ed. 2008); “Migrazioni e memorie delle donne” (ed. 2010);
Ha curato anche “Cuori di sabbia” (ed. CACIT 2011) – primo romanzo dell’autrice Bousso Thioune Benussi, appartenente alla seconda generazione degli immigrati a Trieste.
E’ membro della SIL – Società italiana delle letterate. Per la sezione triestina della SIL ha curato il Quaderno no.1 sul tema “Terzo spazio”, ed. SIL Trieste, 2011.
E’ una delle fondatrici della Casa internazionale delle donne di Trieste e fa parte dell’Associazione Donne d’Europa- Women of Europe – Zene Europe.
Scrive anche poesia. Fa parte della Compagnia delle poete, fondata da Mia Lecomte a Roma nel 2009. Partecipa ai reading di poesia in Italia e all’estero. Ha preso parte attiva all’incontro internazionale Poetesaparis, Parigi, ottobre 2013, promossa dal poeta Yvan Tetelbom.

 

 Pap Khouma- Raffaele Taddeo –  Barbara Pumhösel – Candelaria Romero – Andrea  Sirotti –Gabriella Ghermandi – Mihai  Mircea Butcovan – Adrian  Bravi – Mia  Lecomte – Kossi Komla-Ebri– Sante Matteo – Walter Zidaric – Simona Wright – Ugo Fracassa –  Christiana de Caldas Brito – Melita Richter

Scrittrice italo eritrea. è nata ad Asmara, dove suo nonno paterno è emigrato nel 1896, si è trasferita a Milano a vent’anni, ma è sempre tornata in Eritrea, mantenendo  stretti legami con il popolo eritreo, scrivendo articoli e reportage anche come inviata durante i conflitti Eritrea Etiopia.

Ha pubblicato, con Einaudi, Feltrinelli e altri editori, molti libri per adulti, ragazzi e bambini,  legati alle tematiche del colonialismo italiano, della Shoà, delle guerre e delle recenti e drammatiche immigrazioni.
Per molti anni ha fatto parte della Giuria di Ex&Tra, che ha premiato narratori migranti di prima e seconda generazione. Alcuni di loro sono oggi scrittori affermati nel panorama della letteratura italiana.
Ha lavorato nella storica libreria Einaudi di Milano, che ha anche diretto.
Numerosi sono i suoi incontri, nelle scuole e nelle biblioteche, con i  bambini e i ragazzi delle scuole primarie e secondarie.

 Pap Khouma- Raffaele Taddeo –  Barbara Pumhösel – Candelaria Romero – Andrea  Sirotti –Gabriella Ghermandi – Mihai  Mircea Butcovan – Adrian  Bravi – Mia  Lecomte – Kossi Komla-Ebri– Sante Matteo – Walter Zidaric – Simona Wright – Ugo Fracassa –  Christiana de Caldas Brito – Melita Richter

Scrittrice italo eritrea. è nata ad Asmara, dove suo nonno paterno è emigrato nel 1896, si è trasferita a Milano a vent’anni, ma è sempre tornata in Eritrea, mantenendo  stretti legami con il popolo eritreo, scrivendo articoli e reportage anche come inviata durante i conflitti Eritrea Etiopia.

Ha pubblicato, con Einaudi, Feltrinelli e altri editori, molti libri per adulti, ragazzi e bambini,  legati alle tematiche del colonialismo italiano, della Shoà, delle guerre e delle recenti e drammatiche immigrazioni.
Per molti anni ha fatto parte della Giuria di Ex&Tra, che ha premiato narratori migranti di prima e seconda generazione. Alcuni di loro sono oggi scrittori affermati nel panorama della letteratura italiana.
Ha lavorato nella storica libreria Einaudi di Milano, che ha anche diretto.
Numerosi sono i suoi incontri, nelle scuole e nelle biblioteche, con i  bambini e i ragazzi delle scuole primarie e secondarie.

Pap Khouma –  Raffaele Taddeo –  Barbara Pumhösel – Candelaria Romero – Andrea  Sirotti –Gabriella Ghermandi – Mihai  Mircea Butcovan – Adrian  Bravi – Mia  Lecomte – Kossi Komla-Ebri– Sante Matteo – Walter Zidaric – Simona Wright – Ugo Fracassa – Erminia Dell’Oro – Melita Richter

Scrittrice e psicoterapeuta, Christiana de Caldas Brito è nata nel 1939 a Rio de Janeiro, Brasile. È venuta in Italia con una borsa di studio. Vive a Roma.
Laureata in Filosofia in Brasile (Faculdade Nacional de Filosofia) e in Psicologia all’Università “La Sapienza”di Rom, convalida la laurea ottenuta in Italia presso l’Universidade de São Paulo (U.S.P.) dove ha anche ottenuto il diploma della  Scuola di Arte Drammatica (durata 3 anni).
Oltre al Brasile e all’Italia, ha vissuto negli Stati Uniti (1 anno) Argentina (2 anni) e Austria (2 anni).
Ha pubblicato in Italia i seguenti libri:
– Amanda Olinda Azzurra e le altre (racconti) Ed. Lilith, Roma, 1998, edizione esaurita; ripubblicato da Oèdipus, Salerno-Milano, 2004, dopo aver ricevuto il premio sotto indicato.
– La storia di Adelaide e Marco (libro per l’infanzia) Ed. Il Grappolo, Salerno, 2000.
– Qui e là (racconti) Cosmo Iannone, Isernia, 2004, collana diretta da A. Gnisci.
– 500 temporali (romanzo) Cosmo Iannone Editore, Isernia, 2006. Il romanzo è stato tradotto in portoghese e pubblicato in Brasile: 500 Temporais, Ed. Mar de Ideias, 2011.
– Viviscrivi verso il tuo racconto  (testo guida per la stesura di un racconto,  Eks&Tra Editore, 2008.
Ha pubblicato racconti e recensioni di libri in antologie, on line, riviste e giornali.
Racconti suoi, pubblicati in Italia, sono stati tradotti in portoghese, inglese, francese e tedesco.
Nel 1995, il racconto “Ana de Jesus” riceve il 2° premio, sezione narrativa, I° Concorso Letterario per Migranti (Eks&Tra e Fara Editore, Rimini).  Nel 1996, il racconto “Tum tum, tum tum” è premiato nel Concorso Letterario Nazionale per il Racconto Inedito, Cremona.  Nel 2000, riceve a Grotteria, Calabria, un premio-riconoscimento per le sue pubblicazioni.- Nel 2003, con il libro di racconti Amanda Olinda Azzurra e le altre, ottiene il 1° Premio di Scrittura Femminile “Il Paese delle Donne”, Casa Internazionale delle Donne, Roma.
La casa editrice Mar de Ideias presenterà 500 Temporais alla Fiera di Francoforte di quest’anno. La stessa casa editrice presenterà alla prossima Fiera del Libro per Ragazzi a Bologna: A menina branca e o ponto preto (in potoghese) e La bambina bianca e il punto nero (in italiano)..
Christiana conduce laboratori di scrittura. È stata invitata dall’Istituto Italiano di Cultura del Brasile (São Paulo e Rio de Janeiro), dell’Austria e della Turchia.
Un brano di un suo testo letterario ha fatto parte di una delle tracce dell’esame di maturità nell’anno 2006.

Christiana de Caldas Brito