Parole dal mondo

Il cancello

La prima volta che venni al mondo,
piansi alla lama di luce
e acciaio che, ansimante, mi trafisse.

La pioggia nera accese un fuoco
cheto alla finestra, e io ascoltai
lontananze senza lingua.

Erano gli anni ’50, quando l’Asia
dormiva sotto una pioviggine di ceneri
cadute sin dalla guerra.

La prima volta che dell’eden seppi,
fu, per noi, qualcosa di perduto, o
perdita fu soltanto il nome che gli demmo

Le prime storie nazionali che sentii,
furono le parole d’un padre
che mi donò parole. Fui ciò che paventavo.

Se c’è lassù una grata di perla,
m’appare come ghigliottina
che cauta si sceglie gli amici.

La cruna dell’ago, il varco
stretto, ci raddrizzerebbero
Il suono di pioggia ci farebbe aprire.

(traduzione di Angela D’Ambra)

 

L'autore

Avatar

Bruce Bond

Bruce Bond è un poeta americano e professore di scrittura creativa presso l’Università del North Texas. Ha conseguito il Bachelor of Arts in lingua inglese presso il Pomona College e il Master of Arts in lingua inglese presso la Claremont Graduate School, come anche la laurea in Esecuzione Musicale presso la Lamont School of Music dell’Università di Denver. Ha lavorato per alcuni anni come chitarrista classico e jazz. Nel 1987 ha conseguito il dottorato di ricerca in inglese presso l’Università di Denver. Da allora, ha insegnato presso l’Università del Kansas, la Wichita State University, la Wilfrid Laurier University (Canada) e l’Università del North Texas dove è attualmente Professore di inglese ed editor di poesia presso l’American Literary Review.
Bruce Bond è autore di nove libri di poesia, tra i quali il più recente è Choir of the Wells: A Tetralogy (Etruscan, 2013), The Visible (LSU, 2012), Peal (Etruscan, 2009), Blind Rain (LSU, 2008). Altri due libri sono, inoltre, in uscita: The Other Sky (poesie scritte in collaborazione con il pittore Aron Wiesenfeld, introduzione di Stephen Dunn, Etruscan Press) e For the Lost Cathedral (LSU Press).
L’opera di Bond è stata pubblicata sul The Best American Poetry, The Yale Review, The Georgia Review, Raritan, The New Republic, Virginia Quarterly Review, Poetry, The Southern Review e molte altre riviste e antologie.