Parole dal mondo

Corbaccio

S’alza il corbaccio
e con le ali spinge il mondo in basso,
perché la terra si fa una ragione
di se stessa prima attraverso i suoi uccelli,
profilandosi sulle identità dei giorni,
familiarizzando con la pioggia.

S’alza il corbaccio
e abbassa la terra fino a noi come esca,
perché è nostra, e nella sua saggezza, con calma,
aspetta            aspetta            aspetta
con gentilezza, finché abbiamo finito noi stessi.

S’alza il corbaccio
rimuove se stesso dal mondo
o il mondo da se stesso,
destreggiandosi attraverso il basso azzurro difficile
finché egli è tutto cielo. S’alza fioco, accigliato con
il collo di posta. Coccio della notte, che si immerge celere:
“Preda preda preda!” dice. I suoi affari
sono ciò che gli restano.

Traduzione di Angela Caputo

L'autore

Avatar

Vladimir Lucien

Vladimir Lucien è uno scrittore e critico di St. Lucia. La sua opera è stata pubblicata in The Caribbean Review of Books, Wasafiri, Poetry Nation Review, e in altre riviste. Ha inoltre pubblicato, un’antologia di poesia intitolata Beyond Sangre Grande, edita da Cyril Dabydeen. La raccolta di poesie con la quale Vladimir Lucien ha debuttato, Sounding Ground è stata pubblicata nel maggio 2014 da Peepal Tree Press. Il suo lavoro nell’ambito dei Cultural Studies si focalizza sulle tradizioni spirituali sommerse dei Caraibi, in particolare dell’isola natìa di St. Lucia.

Lascia un commento