Parole dal mondo

Via negativa

per Paul Tillich

Nostro dio senza dio, nostro uno
nessuno, tutte le nostre inezie,
specie il nostro nulla,
il nostro vento nel campanile
bronzeo di lode evanescente,
ricordi, quando le mie candele
offrirono le loro ombre,
tu non eri dio per me,
e così mi volsi invece
all’atto di implorare,
la preghiera che offrii
con occhi bassi, ogni parola
mi fluttuava lungo la schiena..
E nella veglia, vidi
sul tappeto un insetto ,
zaffiro di creatura,
che sgambettò, si fermò, scelse,
nella fede, una via nuova.
Pensai, lo spirito è economico.
No. Di più. È gratuito.
Quelle zampe mettono in moto
nella gran macchina del mondo
l’ingranaggio di scelte minime,
balenanti da qua a là, al nulla
nella narrazione scritta.
Allora tornai a temere gli
sbagli tutti e toccai
il blu sotto il bricco.
Più crescevo, più penose
le libertà, più blu la fiamma .
Se solo il futuro fosse
un qualche tiranno benefico.
Quanto intollerabilmente chiaro.
Invece svegliai mio padre
per spazzar via spettri d’insetti
dal mio letto. Non è niente,,
disse. A quelle parole,
tirai la coperta, sigillai
il buio in qualcosa di più buio.
Niente echeggiò, niente.
Lo fa ancora. Non ho padre,
né terra se non questa. La via
al sonno è lo stesso
lungo adito al mattino.
Scelgo dunque sono
scelto, parlato. Parlo.
Perciò lascio questo spettro,
la voce della mia voce, alle spalle.
(traduzione di Angela D’Ambra)

L'autore

Avatar

Bruce Bond

Bruce Bond è un poeta americano e professore di scrittura creativa presso l’Università del North Texas. Ha conseguito il Bachelor of Arts in lingua inglese presso il Pomona College e il Master of Arts in lingua inglese presso la Claremont Graduate School, come anche la laurea in Esecuzione Musicale presso la Lamont School of Music dell’Università di Denver. Ha lavorato per alcuni anni come chitarrista classico e jazz. Nel 1987 ha conseguito il dottorato di ricerca in inglese presso l’Università di Denver. Da allora, ha insegnato presso l’Università del Kansas, la Wichita State University, la Wilfrid Laurier University (Canada) e l’Università del North Texas dove è attualmente Professore di inglese ed editor di poesia presso l’American Literary Review.
Bruce Bond è autore di nove libri di poesia, tra i quali il più recente è Choir of the Wells: A Tetralogy (Etruscan, 2013), The Visible (LSU, 2012), Peal (Etruscan, 2009), Blind Rain (LSU, 2008). Altri due libri sono, inoltre, in uscita: The Other Sky (poesie scritte in collaborazione con il pittore Aron Wiesenfeld, introduzione di Stephen Dunn, Etruscan Press) e For the Lost Cathedral (LSU Press).
L’opera di Bond è stata pubblicata sul The Best American Poetry, The Yale Review, The Georgia Review, Raritan, The New Republic, Virginia Quarterly Review, Poetry, The Southern Review e molte altre riviste e antologie.

Lascia un commento